PENSALAMENSA per combattere lo spreco alimentare nelle mense scolastiche | Progetti innovativi | Cauto

PENSALAMENSA per combattere lo spreco alimentare nelle mense scolastiche

Al via il progetto didattico realizzato da CAUTO dedicato alle scuole primarie per promuovere l’attivazione territoriale dei giovani sul tema dello spreco alimentare a partire dalle mense scolastiche.

PENSALAMENSA è un’indagine conoscitiva e di sperimentazione di misure per la riduzione del cibo non consumato, “plate leftover”: un percorso di apprendimento e mobilitazione per rafforzare la cittadinanza attiva degli studenti e raggiungere così gli obiettivi educativi indicati dalle linee guida ministeriali sull’insegnamento dell’educazione civica. Il progetto rientra nel contesto più ampio della campagna Prevenzione degli sprechi alimentari promossa da ANCI – Associazione Nazionale dei Comuni Italiani – in collaborazione con il MATTM – Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

PENSALAMENSA è anche uno spazio didattico digitale ideato e realizzato dal settore formazione ambientale di CAUTO per promuove la sensibilizzazione, la comprensione critica e l’attivazione territoriale dei giovani sul tema dello spreco alimentare nelle mense scolastiche. 

Le indagini svolte all’interno del progetto REDUCE, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente, sviluppato con l’Università di Bologna e la campagna Spreco Zero, hanno infatti evidenziato come durante il servizio di ristorazione nelle mense scolastiche si producano elevate quantità di spreco alimentare, pari a circa 120 g di cibo gettato al giorno per ciascun bambino, corrispondente a circa il 22% della quantità preparata. Un tema, quello dello spreco alimentare che che rientra a pieno titolo nell’obiettivo 2 dell’Agenda 2030 dell’ONU: Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile.

La classi iniziano il percorso rilevando per una settimana, lo stato dell’arte dello spreco nella propria mensa; contemporaneamente svolgono un percorso formativo per individuare le buone pratiche da mettere in campo nel periodo di prova. A supporto e integrazione dell’attività di rilevazione ciascun insegnante potrà accedere alla sezione BUONE PRATICHE del sito dove trova documentazione bibliografica e un elenco di esempi di “buone prassi” realizzate in Italia e all’estero. Nella sezione SPAZIO EDUCATIONAL invece potrà scaricare ed utilizzare in autonomia presentazioni e giochi, diversificati in base all’età. In alternativa la classe può partecipare al laboratorio a distanza, condotto da un educatore ambientale di CAUTO, disponibile gratuitamente fino ad esaurimento posti.

Per ulteriori informazioni e per iscrizioni  tel. 030/3690338 oppure visitare il sito www.pensalamensa.it