La sharing economy è comunità | Progetti innovativi | Cauto

La sharing economy è comunità

Banco di Comunità è il modello progettuale ideato e coordinato da CAUTO che genera benessere e felicità nei territori

Banco di Comunità è un progetto  ideato e coordinato da CAUTO, finalizzato alla generazione di benessere per la comunità del territorio, a partire da un nuovo modello di economia circolare e di prossimità  basata sullo scambio di risorse, relazioni, sulla reciprocità e sui legami sociali.

Banco di Comunità è il primo luogo in cui aziende, cittadini e associazioni si incontrano per scambiare beni, tempo e competenze, generando condivisione ed economia di prossimità.

Perché IL BANCO DI COMUNITA’

Bisogni e necessità individuali, sempre più diffusi e quotidiani, in tempi di crisi, trovano soluzione grazie alla collaborazione e al reciproco sostegno, ponendo al centro il benessere della Comunità. Nasce così l'idea di modellizzare forme di economia collaborativa (sharing economy) in grado di facilitare, anche attraverso una piattaforma di scambio digitalizzata, un sistema di credito alternativo e basato su una nuova moneta virtuale: la FIL (Felicità Interna Lorda) misura in modo equo e inequivocabile ciò che si scambia.

La capacità di leggere i nuovi bisogni, e di rispondere con innovazione tecnologica in grado di ricucire le distanze e i legami sociali sempre più sfilacciati, ha una storia importante e radicata nella cooperazione sociale. La Rete di cooperative sociali CAUTO la rivendica con orgoglio e la interpreta, ogni giorno, con esperienze progettuali al passo con i tempi e come in questo caso, percorritrici dei tempi. Anche a livello organizzativo, tali competenze  hanno ridisegnato l’assetto della cooperativa stessa, dando vita ad un settore dedicato e denominato Officina Sociale in cui esperti, progettisti ed innovatori sociali forniscono risposte a richieste dei diversi  portatori di interessi,  in continuo e rapido cambiamento di fronte a problemi globali con ricadute locali.

Al momento dell’iscrizione ad un BANCO di Comunità, si ottiene una  CARD, collegata ad una piattaforma informatica dedicata, su cui vengono registrati automaticamente i movimenti di FIL ed il motto di tutti diventa: NON BUTTARE, SCAMBIA! Offri ciò di cui disponi, ottieni in cambio ciò di cui hai bisogno e contribuisci a rendere più felice la tua Comunità. 

La Piattaforma fisica è la sede del progetto. Ogni Banco di Comunità® può infatti, prevedere una sede di incontro e scambio presidiata da un facilitatore che favorisce l’incontro tra i partecipanti e gli scambi possibili.

Quando un modello di economia genera valore ambientale, sociale ed economico allora è INNOVAZIONE SOCIALE: si rimettono in circolo oggetti e materiali che possono essere riutilizzati invece di essere buttati; ogni persona è preziosa e grazie allo scambio di competenze tutti trovano una risposta ai bisogni, arricchendo le proprie relazioni e i propri legami sociali; si redistribuiscono risorse senza l'uso del denaro passando da un'economia lineare ad una economia circolare e di prossimità. 

Dal 2014, il modello ideato da CAUTO è approdato sotto la lente di osservatori di portata nazionale come NOVA Sole 24 Ore,  Sharitaly, La Biennale di Prossimità, Il NOW -Festival del futuro sostenibile di Cernobbio, Workshop sull'Impresa Sociale - Iris Network. Dopo le prime esperienze sul territorio di Castiglione delle Stiviere, e della Franciacorta col nome di Banco del Riuso, il  Banco di Comunità si prepara ad arrivare su nuovi e diversi territori, in forme che meglio risponderanno ai bisogni dei veri protagonisti: cittadini, associazioni, aziende, enti pubblici e privati del territorio.


Per saperne di più: officinasociale@cauto.it